L’inganno dei “falsi amici”

Avete mai sentito parlare di false friends? È quel fenomeno che può avere luogo nel passaggio da una lingua all’altra, quando si incontrano parole simili nella forma, ma dal significato completamente diverso. Sono appunto “falsi amici”, parole che a prima vista possono ingannare, perché anche se uguali o simili per come sono scritte, nella lingua di destinazione hanno un altro significato.

Facciamo alcuni esempi. Un italiano che sente uno spagnolo pronunciare la parola salir potrebbe pensare automaticamente al verbo “salire”, mentre la traduzione esatta è “uscire”. Altro termine spagnolo che può trarre in inganno è cara, che non si usa per esprimere affetto verso l’interlocutore, come in italiano, ma indica il viso.

L’inglese offre una vasta gamma di false friends in cui è facile imbattersi e bisogna fare attenzione. Tipici esempi possono essere: large, che non significa “largo” ma “grande”; library che fa pensare subito alla libreria, ma invece si riferisce alla biblioteca; actually che non vuol dire “attualmente”, ma “in realtà”; confidence che fa pensare naturalmente alla confidenza, ma vuol dire invece “fiducia”; i parents che non sono i parenti, ma i genitori; estate,che non è il termine per riferirsi alla stagione estiva, ma a una proprietà immobiliare; e ancora argument, che potrebbe far pensare all’argomento, quando invece fa riferimento a una discussione. E chi più ne ha più ne metta!

Passiamo al francese, dove un esempio classico è avant, che non vuol dire “avanti”, ma “prima”; altri esempi sono: conte, che non si riferisce al titolo nobiliare, ma a una fiaba; déjeuner, che non vuol dire digiunare, ma al contrario fare colazione; fermer, che non ha il significato di fermare, ma di chiudere; la gare non è la gara, ma la stazione e libre non è il libro, ma vuol dire “libero”, mentre tante non è un termine per esprime quantità, bensì è la nostra “zia”.

Per chi non conosce la lingua è molto facile sbagliare, viene quasi naturale, perciò è sempre meglio non improvvisare e informarsi attraverso gli strumenti e i professionisti del mestiere per non fare brutte figure!

 

©Daniela B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: