Halloween, un’antica festa celtica

La festa di Halloween è ormai conosciuta e festeggiata in tutto il mondo e molti la attendono con ansia per godersi la notte più lunga dell’anno nell’atmosfera carnevalesca e grottesca che porta con sé. I più audaci scelgono un costume macabro da indossare, che sia per una festa in particolare o semplicemente per andare inContinua a leggere “Halloween, un’antica festa celtica”

La lingua che cambia

Nessuno conosce il numero esatto dei caratteri cinesi esistenti. Ad oggi se ne contano più di 54mila. In generale, in tutte le lingue, assistiamo spesso alla nascita di nuovi vocaboli e nuovi modi di esprimersi, che entrano gradualmente a far parte della quotidianità. La lingua, infatti, non è qualcosa di statico, ma al contrario èContinua a leggere “La lingua che cambia”

5 libri per 5 mete

LIBRI PER VIAGGIARE A luglio molte persone saranno già in vacanza. Altre, forse, staranno ancora decidendo cosa fare ad agosto. Qualcuno sceglierà il mare, qualcun altro la montagna, altri ancora opteranno per le grandi città o per i piccoli borghi o ancora per passeggiate nella natura all’insegna del relax. Ed è proprio sul tema delContinua a leggere “5 libri per 5 mete”

I 5 libri da portare sotto l’ombrellone

TASCABILI PER UN’ESTATE “LEGGERA” È finalmente arrivata l’estate… un’estate forse più leggera rispetto all’anno scorso, in cui ci si potrà concedere un po’ di relax: sole, mare, spiaggia… e perché no, un buon libro! Gli amanti della lettura di sicuro non dimenticheranno di includerne qualcuno fra gli oggetti da portare con sé, da leggere comodamenteContinua a leggere “I 5 libri da portare sotto l’ombrellone”

Due lingue simili… in apparenza

“Hai studiato il cinese? Allora sai anche il giapponese, è uguale no?”, “Wow, sai il cinese? Arigato!”, queste alcune delle frasi più comuni che una persona che ha studiato la lingua cinese spesso si sente rivolgere. Ma chi parla in questo modo non si rende conto della gaffe che commette. Le lingue cinese e giapponese,Continua a leggere “Due lingue simili… in apparenza”

Pelle di foca, pelle d’anima

In un tempo lontano lontano, perduto per sempre, che mai tornerà, i giorni sono di neve bianca e in lontananza, i minuscoli granelli sono persone o cani oppure orsi. Qui nulla fiorisce spontaneamente. I venti soffiano tanto forte che tutti devono di necessità indossare giacche a vento, stivali e berretti. Qui, all’aperto le parole siContinua a leggere “Pelle di foca, pelle d’anima”

Qingming, il giorno degli antenati

La Qingmingjie 清明节 o Festa del Qingming è la festa tradizionale cinese che, per certi versi, può essere fatta equivalere alla Commemorazione dei defunti italiana. A differenza di quest’ultima, però, cade ad aprile, secondo il calendario lunare il 15esimo giorno dall’equinozio di primavera e il primo giorno del quinto dei 24 periodi solari cinesi. TradottoContinua a leggere “Qingming, il giorno degli antenati”

Hanami, rinascere con i ciliegi in fiore

Cadono i fiori di ciliegiosugli specchi d’acqua della risaia:stelle, al chiarore di una notte senza luna. Questo haiku, tradizionale forma di poesia giapponese, ci racconta il fenomeno dell’hanami. Hanami 花見 vuol dire letteralmente “guardare i fiori” e si riferisce all’usanza del popolo nipponico di ammirare la fioritura dei ciliegi, chiamati sakura, che in Giappone, maContinua a leggere “Hanami, rinascere con i ciliegi in fiore”

Saint Patrick’s Day, il giorno in cui tutto si tinge di verde

Il 17 marzo si celebra la festa di San Patrizio, patrono d’Irlanda. È la festa più importante dell’anno per l’isola di smeraldo, che si mobilita letteralmente da nord a sud. Ma viene omaggiata anche nel resto del mondo, soprattutto nei pub irlandesi, e noi non potevamo essere da meno, dal momento che il tema stessoContinua a leggere “Saint Patrick’s Day, il giorno in cui tutto si tinge di verde”

Ama. Donne del mare

Ama. Uno dei verbi più comuni, ma anche il nome di una comunità di donne altrettanto fuori dal comune. Ama (海 女) in giapponese significa “donne del mare”.  Sono anche conosciute come uminchu (a Okinawa) o kaito (nella penisola di Izu). Il loro metodo di pesca ha una lunga storia, le prime testimonianze letterarie delleContinua a leggere “Ama. Donne del mare”